Iscriviti alla newsletter

La storia della "Lista Cicero...Impegno a 360°"

Sabato 16 febbraio 2008 

"Perchè votarmi? Per quei 5-10 minuti di vita che quotidianamente le mie opere hanno restituito agli automobilisti di questa città"

Claudio Cicero presenta la sua candidatura a successore di Enrico Hullweck.

Mettendoci anche una certa dose di autoironia Cicero ha scelto come simbolo quello del segnale stradale della rotatoria, tre frecce che si inseguono in senso circolare.

"Voglio applicare lo studio che ho dedicato alla viabilità vicentina, anche in altri campi, a tutto tondo."

Da qui il nome della lista "Impegno a 360°"

La squadra del 2008

L'inaugurazione della sede

Claudio Cicero presenta una squadra variegata. Ecco coloro che nel 2008 "corsero" con lui.

Rossi Marco, Zocca Liliana, Fochesato Stefania, Leodari Leonardo, Pigato Domenico, Gammarano Rita, D'Ancona Maurizio, Bertasi Alessandro, Maistrello Sergio, Minchio Giancarlo, Parente Cosimo, Cicogna Alessandro, Ciscato Enrico, ,Ciscato Massimo, Dal Zotto Fiorenza Baldeschi Luisiana, Barban Emiliano, Bove Giuseppe, Brun Adriano, Bulfoni Carlo, Cangini Cangino, Carollo Adriano, Carottini Serena, Corato Susanna, Derugna Marco, Faresin Stefano, Fongaro Vera, Ghibelli Matteo, Maino Valter, Mauro Rosaria, Pegoraro Armando, Pegoraro Paola, Piva Laura, Roncolato Tiziano, Salvadore Luca, Santesarti Fabrizio, Solfo Riccardo, Valle Marco, Vitella Riccardo e Zerbini Pierluigi.

La presentazione della lista

I risultati delle elezioni al primo turno

La lista Cicero al primo turno riceve 4.856 voti pari al 7,8%. Claudio Cicero candidato sindaco ne riceve 6.220 pari al   9,1 %.

Amalia "Lia" Sartori (Pdl, Lega Nord, ListaCivica Vicenzaviva  26.946 voti pari al 39,3%

Achille Variati (Pd,Lista Civica Variati Sindaco
Lista Civica Lista Giuliari
21.481 voti pari al 31,3 %

"Non mi candido contro nessuno, non voglio dare fastidio a nessuno". E aggiunge

"Sono un amministratore prima ancora che un politico: ho subito di tutto, attacchi e angherie proprio per il lavoro che ho svolto, perchè ho fatto più che parlato"

L'inaugurazione della sede

Ci vuole coraggio e Claudio Cicero ce l'ha.

Nel suo programma inserisce l'adozione di nuovi impianti per lo smaltimento dei rifiuti, alternativi alle discariche. In altre parole i maxi-bruciatori che devono ridurre i rifiuti ricavando energia. Inoltre l'utilizzazione del palazzo di giustizia di Santa Corona che dovrebbe diventare un contenitore per grandi mostre e per il sempre pensato e mai realizzato museo dell'oro. La realizzazione nell'area dell'ex centrale del latte in via Medici di una struttura mista pubblica- privata a supporto del S.Bortolo (residenze per parenti che accompagnano i malati) e a servizio del quartiere (poste e parcheggi). E poi un teatro che deve autosostenersi e un aeroporto da  rilanciare. E poi il PAT e la situazione di AIM dove "...E' necessario nominare dei manager competenti visto che dovrà battersi in un mercato in grande evoluzione". In tema di viabilità il completamento della circonvallazione che "...Libererà la città dal traffico e darà modo poi di riqualificare anche tutti gli assi viari collegati".

Così il Giornale di Vicenza commenta il risultato delle elezioni

I risultati del "BALLOTTAGGIO"

La lista Cicero al ballottaggio si schiera con la candidata del centrodestra Lia Sartori. Il risultato finale vede però vincitore Achille Variati per una manciata di voti.

27.645 contro 27118  (50,5 % contro 49,5 %).

In consiglio comunale oltre a Claudio Cicero va a sedersi anche Nico Pigato. Nel 2011 Claudio Cicero viene chiamato da Variati per ricoprire il ruolo di consigliere delegato all'Assessorato alla Mobilità.

Nico Pigato consigliere comunale 2008/13

Le elezioni del 20013

 Altro che fine del mondo: Claudio Cicero, infischiandosene della profezia dei Maya, ha scelto il 21 DICEMBRE 2012 per appendere i primi manifesti che annunciano la sua ri-discesa in campo. «Fine del mondo? No, secondo l'interpretazione dei Maya quella che inizia è una nuova era: e io spero sia una nuova stagione anche per la città di Vicenza».

 

Così annuncia la sua «corsa da candidato sindaco», un bis dell'esperienza che lo portò ad uno straordinario 9,1% in solitaria - senza partiti né marchi se non il proprio volto - nel 2008. «IO COME IL VINO BUONO».

 

L'ex “signore degli anelli”, assessore alla Mobilità nella Giunta Hüllweck, poi consigliere delegato alla stessa materia per uno spicchio del mandato-Variati, ieri mattina era all'opera in contrà Santa Barbara, ad allestire la sede elettorale, che sarà aperta dopo le feste e dalla quale lancerà la corsa a Palazzo Trissino. Con una premessa: «Riparto dalla mia faccia che ormai a Vicenza conoscono anche i sassi, riparto dagli amici della lista civica, senza partiti o etichette: l'obiettivo è la buona amministrazione e vorrei essere come il buon vino, genuino dentro la bottiglia, anche se fuori non c'è un marchio altisonante». 

La sede 2013

Due delle idee di Claudio Cicero. Sopra il cavalcavia all'aconetta, e sotto la passerella in stazione.

Se il vino è buono e se migliora con gli anni saranno i vicentini a dirlo. Intanto Cicero ha ricominciato a tessere la trama dei rapporti con chi aveva appoggiato la sua lista “Impegno a 360°” nel 2008. «Riparto dal collega consigliere Nico Pigato - afferma Cicero - e dalla squadra di allora, ma sono probabili nuovi innesti». Quanto alla sua collocazione e colorazione politica - mai celato il suo credo di destra -, mette i puntini sulle “i”: «Io anti-Variati? No, sono pro-cittadini», risponde Cicero. E sui rapporti con il “centrodestra ufficiale” - Pdl e Lega - il consigliere mantiene un freddo distacco: «Non sappiamo ancora chi sarà il candidato, se saranno alleati...».  Non si sbilancia, Cicero, sull´ipotesi di convergenze politiche in un eventuale secondo turno. L´occhio, ora, è rivolto ai movimenti civici. «Se ci sono liste civiche, come quella di Giorgio Conte, che hanno la possibilità di raccogliere consensi in una fetta della società e che vogliono confrontarsi con il nostro programma, sono tutte benvenute, la porta è aperta».

 Con quale programma si presenta Claudio Cicero? «Ci stiamo lavorando - risponde - e a tempo debito lo illustreremo. Ci sicuro punteremo sulle cose concrete, la mobilità, che è un tema su cui non si finisce mai di ingegnarsi, e la casa, perché deve essere un diritto di tutti e bisogna trovare politiche adeguate per garantirla a ogni famiglia». Cicero vuole «ripartire dal lavoro fatto: la stagione della mobilità l´ho segnata io - afferma non senza un moto d´orgoglio - il nodo viabilistico dello stadio l´ho pensato io e anche altre opere che si stanno realizzando. Io ho aiutato la Giunta Variati, prima della rottura, per spirito di servizio verso la città: ricordo che da consigliere delegato non ho percepito un euro in più».

La squadra del 2013

Adragna Gianclaudio, Baggio Tamara Esther, 

Baldeschi  Luisiana, Barban Emiliano, Bordignon Alberto,

Bove Giuseppe, Brogliato Michela, Cappuzzo Vittoria,

Carollo Michele, Casarotto Paola, Castegnero Marta,

Cunico Franco, Dalla Tomba  Francesco,

De Rugna Marco, Franceschini Marco, Frigo Gianluca,

Fusilli Stefano, Gaino Rolando, Gallo Nicola,

Garzia Vincenzo, Longhin Cristina, Maistrelo Sergio,

Michelotti Marcella, Pertegato Anna, Pigato Domenico,

Pieri Federico, Rancan Alice, Rizzo Enrico, Sasso Renato, Sposetti Roberto, Trevisan Paola, e Zanin Luciano.

I risultati delle elezioni​ 2013

VARIATI ACHILLE               28.098          53,46%

DAL LAGO MANUELA       14.390          27,38%

ZALTRON LILIANA               3.423            6,51%

CICERO CLAUDIO                2.442            4,65%

DOVIGO VALENTINA           1.619            3,08%

SORRENTINO VALERIO        1.408            2,68%

SANGINETO MAURIZIO          728            1,39%

EQUIZI FRANCA                      208            0,40%

ZENTILE GUIDO                      159            0,30%

GIAMPICCOLO RAFFAELLO      81            0,15%

La lista Cicero ottiene 1.975 voti pari al 4,46%. Per pochi voti si perde il secondo  consigliere e Claudio Cicero va da solo in Consiglio comunale a rappresentare la lista.

La scheda elettorale 2013

Le elezioni del 2018

 

Dopo le due tornate elettorali precedenti, dove Claudio Cicero si era presentato come candidato sindaco, nel 2018 si decide che la lista correrà per il candidato Francesco Rucco che ha  proprio in Cicero il primo sostenitore. Assieme alla lista Cicero si schierano la lista civica Rucco Sindaco, la lista civica Vicenza ai vicentini-Popolo della famiglia, ed in un secondo tempo si affiancano, Fratelli d'Italia, la Lega e

Forza Italia. 

Francesco Rucco vince le elezioni al primo turno con 24.271 voti  pari al 50,64% mentre Otello Dalla Rosa principale avversario e candidato del centrosinistra si ferma a 

21.985 pari al 45,87%.

La lista Cicero ottiene 1.050 voti  pari al 2,35%.

Questo risultato consente l'elezione per la lista di un consigliere.

In Consiglio Comunale......

Claudio Cicero risulta il più votato della lista con 275 preferenze, mentre Loredana Zezza Bocchese risulta la seconda più votata della lista con 83 preferenze. In virtù del fatto che Claudio Cicero viene chiamato dal nuovo sindaco Rucco a ricoprire la carica di assessore, va a sedersi fra i banchi del consiglio Comunale Loredana Zezze Bocchese. 

La squadra  del 2018

Cicero Claudio, Baccarin Nicola, Baldeschi Luisiana,

Bonetto Massimo, Bordignon Alberto, Bove Giuseppe,

Carollo Adriano, Casarotto Paola, Castegnero Marta,

Cibinel Laura, Comito Matteo, D'Amore Roberto,

Dal Cortivo Betty, Dalla Tomba Francesco, Frigo Gianluca, Gaino Roberto, Gobja Claudia, Maistrello Sergio,

Pertegato anna, Peserico Tiziana, Pieri Federico,

Pozza Alessandra, Romito Laura, Sasso Renato,

Sandano Nicola, Zanin Luciano e Zezza Bocchese Loredana.

In Consiglio Comunale......

Dopo un riconteggio dei voti risulta Roberto D'Amore titolare del seggio e in data 29 novembre fa il suo esordio in Consiglio Comunale a fianco di Claudio Cicero.

In seguito D'Amore lascia la lista Cicero e "approda " a Fratelli d'Italia.